Far ascoltare storie che non sono state mai raccontate

Bisogna essere più coraggiosi, sfruttare il potenziale: questo è ciò che sostiene Jasminko Halilovic. In questa intervista, il trentaduenne fondatore e direttore del War Childhood Museum di Sarajevo spiega la sua idea.

Jasminko Halilovic è nato nel 1988 a Sarajevo, dove ha trascorso l'infanzia e in seguito ha conseguito un master in gestione finanziaria. Nel 2012 ha pubblicato il libro Kindheit im Krieg – Sarajevo 1992-1995 (Infanzia di guerra – Sarajevo 1992-1995). L'opera, che raccoglie i ricordi di circa 1.600 persone che hanno trascorso la loro infanzia a Sarajevo durante la guerra, ha ricevuto così tanti riconoscimenti da diventare ben presto un progetto museale. Il War Childhood Museum ha inaugurato la sua prima mostra nel 2017. All'inizio di quest'anno, il fondatore e direttore Jasminko Halilovic è stato ospite della prima Giornata del marketing dei musei svizzeri organizzata a Berna nell'ambito di Cultura Suisse. Lo abbiamo incontrato per una chiacchierata.

Katharina Flieger: Signor Halilovic, poco dopo la sua inaugurazione, il War Childhood Museum è stato insignito del premio del Consiglio d'Europa 2018 per i musei. Cosa significa per lei questo premio?

Jasminko Halilovic: Riconoscimenti come questo non sono molto noti a livello internazionale, non è un premio che ti fa diventare famoso come l’Oscar. Ma può essere usato nella comunicazione per procurarti maggior rispetto e più sostegni da parte delle autorità. Il premio aumenta anche la nostra credibilità presso i finanziatori, apre le porte a nuove collaborazioni: in breve, rende la vita un po' più facile. Ed è un'ulteriore conferma per il mio team della qualità e dell’importanza di ciò che facciamo qui.

KF: Durante la sua conferenza ha sollecitato un approccio imprenditoriale più forte da parte dei musei. Perché? I musei non sono aziende.

JH: Come direttore di un museo la cosa più importante che ho capito finora è che è sbagliato separare il lavoro museale dalla capacità di fare impresa. Questo perché in realtà non c'è differenza: bisogna lottare per attrarre il pubblico, bisogna competere con altre offerte di intrattenimento, come cinema o ristoranti. Non puoi stare lì seduto ad aspettare i visitatori, ma devi conquistare attivamente le persone più e più volte, migliorando costantemente te stesso nel processo. Tutto ciò è in linea col pensiero imprenditoriale. Per questo motivo sostengo la necessità di porre maggiore enfasi sull'aspetto imprenditoriale: non perché i musei diventino aziende, ma perché penso che questo possa renderli più dinamici..

KF: Cosa ci guadagneremmo?

JH: Molti musei fanno troppo poco uso delle possibilità offerte dalla tecnologia – per i siti web, le app, la mediazione o la pubblicità. A differenza di altri soggetti, utilizzano strumenti in gran parte superati. Nella nostra regione in particolare, ma anche nell'Europa occidentale e negli Stati Uniti, mi imbatto ripetutamente in formati obsoleti e poco attraenti. Occorre investire più energia in questo settore, perché il potenziale è enorme!

A differenza di altre istituzioni, i musei hanno un grande vantaggio: possono fare di tutto! Hanno spazi virtuali e fisici, possono presentare qualsiasi oggetto, qualsiasi storia in formato multimediale. I musei godono della fiducia della gente, hanno la capacità di educare e intrattenere, possono persino invitare i visitatori a passare la notte da loro. Ecco perché mi addolora vedere musei in lotta per attirare il pubblico e guadagnare l'attenzione.

KF: Lei però non deve lottare per attirare l'attenzione, al contrario: il suo museo riceve supporto e sta ampliando la sua collezione.

JH: Sì, oggi lavoriamo anche in Libano, in Ucraina e con i rifugiati siriani in Serbia e in Bosnia. Apriremo un ufficio a Berlino per poterci spostare più facilmente all'interno dell'UE con la nostra mostra itinerante. Stiamo applicando diverse strategie per ampliare la nostra collezione e formiamo le persone per metterle in grado di lavorare sul campo e raccogliere oggetti. Accettiamo tutti gli oggetti che siano chiaramente rilevanti per la memoria. Il cuore della collezione sono le storie: ci serviamo degli oggetti per raccontarle.

KF: Queste storie suscitano un ampio interesse. Che tipo di collaborazioni avete instaurato?

JH: Coltiviamo la cooperazione internazionale con numerose università, con ricercatori dei più diversi campi come la psicologia, la storia, la museologia. Scrittori, fotografi e artisti si rivolgono a noi proponendo le loro iniziative. Per noi è importante che i materiali raccolti possano essere utilizzati in modi diversi. Per questo motivo ci adoperiamo per fornire anche traduzioni in inglese. Sono sempre felice quando persone nuove si avvicinano a noi, quando riusciamo a crescere come piattaforma.

KF: Lei investe tutte le sue energie in questo progetto museale ma proviene dal mondo della finanza. Da dove deriva questa motivazione, questo enorme impegno personale?

JH: Io stesso faccio parte della generazione dei bambini della guerra in Bosnia. Volevo fare qualcosa per questa generazione, volevo fare in modo che le loro storie venissero ascoltate. È diventata una missione professionale. Molta gente è stanca di sentire brutte notizie, di confrontarsi con la guerra e la violenza, ma le storie dei bambini le sta a sentire. In questo modo possiamo contribuire a una consapevolezza globale dei bisogni dell’infanzia. E questo aiuta le persone che raccontano le loro storie a fare un passo avanti nel loro confronto con il trauma della guerra.

Qualche tempo fa, in Giappone, ho parlato con persone che avevano vissuto la seconda guerra mondiale da bambini. Mi hanno detto: "Sono passati settant’anni e nessuno ci ha mai chiesto com'è stato per noi". Le storie dei bambini sono storie taciute: è raro che qualcuno le ascolti e non hanno alcun peso nei processi in tribunale. In primo piano ci sono di solito le storie dei soldati, dei politici, dei media. Dobbiamo colmare questa lacuna. Per questo la nostra missione è importante, per questo vogliamo farne un progetto mondiale.

Katharina Flieger, caporedattrice della Rivista svizzera dei musei

War Childhood Museum