Prestiti

Con un contratto quadro per il prestito temporaneo di oggetti di collezione tra musei, l'AMS propone uno strumento che offre sicurezza giuridica e flessibilità, e al contempo garantisce un giusto equilibrio tra diritti e doveri delle parti.

Prestiti

Il contratto quadro di prestito ha lo scopo di mettere a disposizione dei prestatori e di chi riceve in prestito, una base contrattuale scritta per la loro relazione, che rispetti il codice di deontologia dell’ICOM.Il contratto quadro di prestito, nel suo spirito e nelle sue norme operative, rispetta la libertà dei partner e dei professionisti e non ha in alcun modo lo scopo di costringere gli addetti ai lavori a cambiare le loro abitudini.
Questo contratto quadro è anche compatibile con le esigenze dei prestatori privati e con i principi applicati per i musei attivi in Europa, utenti del sistema contrattuale NEMO. Il contratto quadro di prestito consentirà un guadagno di tempo globale nell’ambito delle operazioni di prestito, poiché un unico e medesimo contratto gestisce tutte le operazioni di prestito. Il lavoro di assimilazione e di riflessione che ne deriva, certamente arduo ma facilitato dal presente documento, dovrà pertanto essere fatto una sola volta;con la stessa controparte, il quadro contrattuale generale sarà negoziato una sola volta;le deroghe al sistema generale del contratto quadro sono evidenziate nell’allegato o nella scheda di prestito;il lavoro di redazione nella quotidianità si limita alle questioni tecniche.


Informazioni

Pubblicazione «Prestiti - Contratto quadro»
Guida d'accompagnamento - Presentazione del sistema
Altra pubblicazione sulla mobilità dei collezioni